Consulenza e ordine gratuiti
+49 (2222) 8039975

Spedizione entro

da 3-5 giorni

Spedizione gratuita

da €69,00

Fase di test

100 giorni

Epilessia nei cani: forme, sintomi e trattamento

Come gli umani, i cani possono sviluppare epilessia e soffrire dei tipici attacchi convulsivi causati dalla malattia. Se si verificano spesso convulsioni, l'epilessia è spesso un peso sia per il cane sia per il padrone.


A seconda della gravità delle convulsioni e della frequenza con cui si verificano, il trattamento necessario può variare. Le cause dell'epilessia nei cani, i sintomi della malattia e le opzioni per il trattamento sono spiegate di seguito.

Cos'è l'epilessia nei cani?

Cos'è l'epilessia nei cani?

L'epilessia è una malattia nervosa cronica. Se il tuo cane soffre di epilessia, ci sono improvvisi disturbi della scarica dei neuroni nel suo cervello, con conseguenti convulsioni, disturbi del movimento e del comportamento.

Epilessia nei cani: possibili cause

L'epilessia può verificarsi nei cani in due forme e quindi avere cause diverse. Viene fatta una distinzione tra epilessia idiopatica e sintomatica nei cani.

Epilessia idiopatica nei cani

L'epilessia idiopatica o primaria è particolarmente comune nei cani. Una causa non può essere determinata in questa forma di malattia. Il cervello del cane non ha anomalie e inoltre il ​​ cane sembra perfettamente sano tra due attacchi.


In linea di principio, tutti i cani possono sviluppare epilessia idiopatica. Tuttavia, ci sono alcune razze in cui vi è un rischio maggiore e in cui questa forma di epilessia è corrispondentemente diffusa.


Epilessia sintomatica nei cani

Le seguenti razze canine hanno maggiori probabilità di soffrire di epilessia:

  • Golden retriever
  • Labrador
  • Beagle
  • Collie
  • Pastore Tedesco
  • Boxer
  • Setter irlandese
  • Bassotto
  • Barboncino
  • Magyar Vizsla
  • Springer Spaniel inglese

Epilessia sintomatica nei cani

A differenza dell'epilessia idiopatica, nei cani l'epilessia sintomatica è causata da un'altra malattia.  Le crisi epilettiche rappresentano quindi in linea di principio più di una concomitante con una malattia precedente in questa forma.


Possibili fattori scatenanti dell'epilessia sintomatica nei cani:

  • Bassi livelli di zucchero nel sangue
  • Un tumore al cervello
  • Un trauma cranico
  • Problemi con reni o fegato
  • Veleni che vengono ingeriti con il cibo
  • Un'infezione

I sintomi dell'epilessia nel cane

L'epilessia può causare convulsioni sia piccole che grandi nel tuo cane. Di solito un attacco imminente è annunciato da problemi comportamentali. Il cane affetto da epilessia è irrequieto, ansioso o particolarmente affettuoso. Questa condizione è chiamata aura.

Convulsioni epilettiche parziali

Una piccola crisi è limitata a una singola area del corpo e può, ad esempio, portare a una contrazione della gamba. Inoltre, un tale attacco parziale nel tuo cane può anche innescare ansia e comportamenti strani, come abbaiare o cacciare mosche inesistenti.

Convulsioni epilettiche generalizzate

Un attacco generalizzato o grave provoca contrazioni e convulsioni in tutto il corpo. Oltre ai crampi da stiramento, un tale attacco provoca contrazioni del viso e degli arti nel tuo cane. Inoltre, un grave attacco può causare salivazione pesante e fuoriuscita incontrollata di feci e urina.


Per tutta la durata della crisi, l'animale è in stato comatoso. I suoi occhi sono contorti e temporaneamente non risponde. Un attacco epilettico nel tuo cane può essere superato dopo pochi secondi. Tuttavia, può durare diversi minuti o anche diverse ore. Dopo essere sopravvissuto ad un attacco, il tuo cane apparirà inizialmente disorientato ed esausto.

Diagnosi di epilessia nei cani

Per diagnosticare l'epilessia nei cani, sono spesso necessarie molte indagini. Perché prima che il veterinario possa diagnosticare l'epilessia idiopatica, deve prima escludere altre cause che possono scatenare l'epilessia sintomatica. Inoltre, malattie come la rabbia o il tetano sono possibili cuase di convulsioni in questione.


I metodi comuni utilizzati nella diagnosi dell'epilessia nei cani includono radiografie e risonanze magnetiche, esami del sangue, elettroencefalogrammi (elettroencefalografia) o analisi dei fluidi cerebrali.

Trattamento dell'epilessia nel cane

Se il tuo cane è affetto daepilessia secondaria (sintomatica), è necessario trattare la malattia di base. Nell'epilessia primaria (idiopatica), il trattamento mira a ridurre l'eccitazione eccessiva delle cellule nervose nel cervello e prevenire le convulsioni.

Farmaci per l'epilessia nei cani

L'epilessia primaria nei cani è trattata con i cosiddetti farmaci antiepilettici. Il fenobarbital è uno dei farmaci più noti in questo settore. Fino a quando il fenobarbital nel sangue raggiunge il livello richiesto e può produrre l'effetto desiderato, di solito ci vogliono tra le due e le tre settimane.


Durante questo periodo, i farmaci nel tuo cane possono portare a effetti collaterali come lentezza e stanchezza, nonché aumento della sete e dell'appetito. Normalmente, tuttavia, questi sintomi si risolvono dopo pochi giorni.


Idealmente, l'uso del fenobarbital renderà gli episodi meno frequenti e più brevi. Tuttavia, se non ci sono miglioramenti, il veterinario combinerà il fenobarbital con altri farmaci antiepilettici, come il bromuro di potassio.


Poiché i farmaci antiepilettici devono essere dosati con precisione, sono necessari controlli regolari, in cui il veterinario controlla i livelli ematici del tuo cane.

Farmaci aggiuntivi per convulsioni

Se il tuo cane affetto da epilessia soffre di un attacco acuto, è possibile alleviarlo con farmaci adeguati. Per la maggior parte, il veterinario prescrive il tranquillante diazepam, che può essere somministrato al cane come supposta.

Come affrontare le convulsioni

Durante un attacco epilettico acuto, è particolarmente importante tenere il cane lontano da eventuali oggetti con cui si potrebbe ferire. Per quanto riguarda la questione se il quadrupede debba essere accarezzato durante l'attacco, ci sono diverse visioni.


Per alcuni cani, il contatto fisico con il proprietario aiuta a calmarsi più velocemente. Il modo migliore per vedere come si comporta il tuo cane è provarlo. Tuttavia, poiché può succedere che il tuo cane ti morda involontariamente, dovresti stare attento.

Epilessia nei cani: prognosi e possibilità di guarigione

Epilessia nei cani: prognosi e possibilità di guarigione

Se la terapia dell'epilessia nel tuo cane mostra successo, dipende da vari fattori. Nel caso dell'epilessia sintomatica, è soprattutto decisivo se la malattia di base, che porta alle convulsioni, può essere trattata.


D'altra parte, se il tuo cane soffre di epilessia idiopatica, prima viene fatta la diagnosi e inizia il trattamento, maggiori sono le possibilità di sollievo. Poiché più spesso il tuo cane ha già sofferto di convulsioni, più cellule nervose sono coinvolte nel prossimo attacco. Di conseguenza, le crisi epilettiche diventano sempre più gravi e si verificano a intervalli sempre più brevi.


L'epilessia primaria nei cani deve essere trattata per tutta la vita. L'obiettivo delle misure terapeutiche è ridurre la frequenza e la gravità delle convulsioni. In alcuni casi funziona molto bene. In alcuni dei cani affetti, tuttavia, il trattamento con farmaci antiepilettici come il fenobarbital non mostra alcun miglioramento significativo.


Articoli simili

Scrivi una recensione

    Cattivo 
 Buono